“Poi la baciò. Sotto il tocco delle sue labbra Daisy sbocciò per lui come un fiore, e l’incarnazione fu completa. In tutto quello che mi disse, perfino nel suo sentimentalismo impressionante, ritrovai qualcosa: un ritmo sfuggente, un frammento di parole perdute, che avevo udito da qualche parte molto tempo prima. Per un momento una frase cercò di prendere forma nella mia bocca, e le labbra si schiusero come quelle di un muto, come se non fossero trattenute solo da un filo d’aria stupita. Ma non diedero suono, e ciò che avevo quasi ritrovato divenne inesprimibile per sempre.”
(Virginia; 19; Roma)

home message pensieri persi
"Il mio migliore amico è lo specchio, perché quando piango non ride mai."
Jim Morrison

20 note - 30 Settembre, 2012

Taggato: migliore amico specchio ridere piangere solitudine dolore

  1. brividochepercorrelanima ha rebloggato questo post da virspeakloud
  2. tornadametiprego ha rebloggato questo post da virspeakloud
  3. smeraldo-e-oceano ha rebloggato questo post da wake-me-up-in-time
  4. wake-me-up-in-time ha rebloggato questo post da pauradinonessereabbastanza
  5. pauradinonessereabbastanza ha rebloggato questo post da saltuariamente-contenta
  6. saltuariamente-contenta ha rebloggato questo post da virspeakloud
  7. postato da virspeakloud