"Amo le frasi tra parentesi. Quelle che nessuno sottolinea mai. Così potenti da potersi intrufolare ovunque, rompere ogni costrutto sintattico e deviare dal significato principale sviscerando un particolare; qualcosa di appena sussurrato, quasi volutamente celato. Ci hai mai pensato? Solo chi ha un vero interesse arriva a leggere tra parentesi. Se vuoi davvero conoscere una persona, devi entrare nelle sue parentesi.
(Ed è tra parentesi che scriverei la nostra storia, per proteggerla da un mondo che legge solo i punti esclamativi.)"

(Virginia; 20; Roma)

home message pensieri persi

06:19

Ho sognato che Voldemort mi voleva uccidere e io scappavo (ero Harry Potter). Lui aveva già ucciso tutti i miei amici ma io correvo più veloce di tutti. Non ero rincorsa da lui, però, ma da un esercito di donne nude e bellissime. Alla fine mi trovavano nascosta dentro un fosso e mi portavano sopra un albero per farmi cadere giù. Mi buttavano ma io non morivo, facevo finta per riuscire a scappare. Poi però arriva Voldemort che si accorge della mia finzione, allora apro gli occhi e… poi mi sono svagliata con il cuore a mille. Voldemort aveva un aspetto familiare.

10 note - reblog

23:21

La verità è che ogni giorno circa a quest’ora sento il bisogno di scrivere tutto quello che non ho detto durante il giorno. In realtà vorrei tornare indietro nel tempo e farti capire l’importanza delle parole che ti ho detto, quelle che non ti sembravano importanti, o finire concetti che non ho finito, per mancanza di tempo o di coraggio. Vorrei aver parlato del fatto che mi manchi, non per deprimersi a vicenda ma per sapere che è davvero giusto mancarsi e che non sono da sola a farlo. Vorrei aver potuto catturare ogni tuo pensiero, brutto o bello, e averlo fatto mio, per diventare un po’ di più parte di te, per entrare nel tuo mondo che a volte sembra sigillato a tutto e a tutti. Ogni giorno mi rimprovero, temendo di non aver fatto abbastanza per dimostrarti il mio affetto, mi rimprovero per essere diventata fredda all’improvviso o per averti risposto male solo perché avrei voluto abbracciarti ma non potevo.
Ogni giorno mi rimprovero di non averti tenuto un po’ di più. Mi rimprovero perché non ti ho ringraziato abbastanza, per tutto quello che fai e per tutto quello che sei.
Penso che domani mi sveglierò e tu sarai qui, ancora, per me, che non sono speciale, eppure per me.
Penso che non te lo dico abbastanza.

16 note - reblog

enid-is-a-cat:

Ants ate all my sugar